Skip to main content
NUOVI CONTRIBUTI PER LA FORMAZIONE: CUMULABILITA’ CREDITO D’IMPOSTA FORMAZIONE 4.0 E FONDO NUOVE COMPETENZE
NUOVI CONTRIBUTI PER LA FORMAZIONE: CUMULABILITA’ CREDITO D’IMPOSTA FORMAZIONE 4.0 E FONDO NUOVE COMPETENZE

La rivoluzione tecnologica-digitale in atto sta avendo un impatto diretto sia sul mercato del lavoro e sulle condizioni in esso vigenti che sugli operatori stessi. Questo contesto, congiuntamente all’emergenza sanitaria che oltre a stravolgere le condizioni lavorative ha incentivato ulteriormente il processo di digitalizzazione, ha fortemente richiesto la riqualificazione delle competenze dei lavoratori.

La riqualificazione riguarda sia le hard skills (competenze tecnico-professionali e digitali) che le soft skills (competenze trasversali legate all’intelligenza emotiva e al saper essere).

A sostenimento della formazione, interviene lo Stato con due specifiche misure cumulabili: il credito d’imposta formazione 4.0 e il Fondo Nuove Competenze (FNC). Vuoi conoscere altre agevolazioni? Scopri le novità della Legge di Bilancio 2022.

CREDITO D’IMPOSTA FORMAZIONE 4.0

Il credito di imposta formazione 4.0, che rientra nel Piano Nazionale Transizione 4.0, sostiene le imprese nell’acquisizione delle competenze digitali 4.0, riconoscendo un contributo automatico, limitatamente alle ore di lavoro dedicate alla formazione. In particolare, è previsto un incentivo pari al:

  •  50% delle spese ammissibili e nel limite massimo annuale di € 300.000 per le piccole imprese;
  •  40% delle spese ammissibili nel limite massimo annuale di €. 250.000 per le medie imprese;
  •  30% delle spese ammissibili nel limite massimo annuale di €. 250.000 le grandi imprese

Nel caso in cui i beneficiari del credito siano lavoratori svantaggiati e ultra-svantaggiati, il credito di imposta prevede un contributo fino al 60% delle spese, lasciato invariato il limite massimo annuo.

Nello specifico, tra le spese ammissibili rientrano:

  • A. le spese di personale relative ai formatori per le ore di partecipazione alla formazione;
  • B. i costi di esercizio relativi a formatori e partecipanti alla formazione direttamente connessi al progetto di formazione (spese di viaggio, materiali e forniture, ammortamento degli strumenti e delle attrezzature per la quota da riferire al loro uso esclusivo per il progetto di formazione); i costi dei servizi di consulenza connessi al progetto di formazione;
  • C. i costi dei servizi di consulenza connessi al progetto di formazione;
  • D. le spese di personale relative ai partecipanti alla formazione e le spese generali indirette (spese amministrative, locazione, spese generali) per le ore di formazione.

Tra le spese ammissibili rientra anche la formazione svolta dagli imprenditori.

Rientrano tra i soggetti beneficiari tutte le imprese residenti nel territorio dello Stato indipendentemente dall’attività economica esercitata, comprese la pesca, l’acquacoltura e la produzione primaria di prodotti agricoli, dalla natura giuridica, dalle dimensioni, dal regime contabile e dalle modalità di determinazione del reddito ai fini fiscali.

I corsi di formazione devono pertenere a più ambiti di applicazione tra cui: informatica, tecnologie, vendita, marketing e processi produttivi.

L’agevolazione può essere utilizzata per la formazione sulle tecnologie previste dal Piano Nazionale Industria 4.0, relativamente ai temi seguenti:

  •  big data e analisi dei dati;
  •  cloud e fog computing;
  •  cyber security;
  •  sistemi cyber-fisici;
  •  prototipazione rapida;
  •  sistemi di visualizzazione e realtà aumentata;
  •  robotica avanzata e collaborativa;
  •  interfaccia uomo macchina;
  •  manifattura additiva;
  •  internet delle cose e delle macchine;
  •  integrazione digitale dei processi aziendali.

Il credito d’imposta è usufruibile esclusivamente a compensazione, a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello del sostenimento delle imprese.

Al fine di beneficiare del credito d’imposta, la norma impone che i costi sostenuti siano certificati dal soggetto incaricato della revisione legale o da un professionista iscritto nel registro dei revisori legali (tale certificazione dovrà essere allegata al bilancio).

FONDO NUOVE COMPETENZE

Il Fondo Nuove Competenze, fondo pubblico istituito in collaborazione del Fondo Sociale Europeo, si pone l’obbiettivo di sostenere la ripresa delle attività imprenditoriali mediante l’aggiornamento delle competenze tecnico-organizzative e del mindset dei lavoratori dipendenti, in un periodo di incertezza come quello post pandemico caratterizzato da un cambiamento con ritmi mai visti prima.

Nello specifico, FNC è un contributo a fondo perduto volto alla copertura integrale dei costi di formazione dei lavoratori dipendenti, contributi previdenziali e assistenziali inclusi, in relazione alle ore di lavoro destinate alla frequenza dei corsi di formazione.

Possono accedere al fondo tutti i datori di lavoro del settore privato che abbiano stipulato con le parti sociali un contratto collettivo, nazionale o territoriale, di rimodulazione dell’orario di lavoro per mutate esigenze organizzative e produttive dell’impresa, stabilendo che parte dell’orario di lavoro ordinario sia dedicato ad attività formative.

Questa agevolazione ha una doppia valenza per le imprese: da una parte accresce le competenze dei collaboratori aziendali e dall’altra permette di diminuire il totale delle ore da retribuire, senza dover attingere alla cassa integrazione.

Sono individuabili come soggetti erogatori dei percorsi formativi:

  •  Tutti gli enti accreditati a livello nazionale e regionale.
  •  Altri soggetti, anche privati, che per statuto o istituzionalmente, sulla base di specifiche disposizioni legislative o regolamentari anche regionali, svolgono attività di formazione (comprese Università statali e le non statali legalmente riconosciute, ecc.).
  •  Può svolgere il ruolo di soggetto erogatore della formazione la stessa impresa che ha presentato domanda di contributo, laddove l’accordo collettivo lo preveda dimostrando di avere la capacità tecniche per svolgere tale attività.

Nella presentazione della domanda è necessario allegare l’accordo collettivo di rimodulazione e il progetto formativo dettagliato. I progetti formativi devono individuare i fabbisogni del datore di lavoro in termini di nuove competenze in ragione dell’introduzione di nuove innovazioni organizzative, tecnologiche, di processo o di prodotto in risposta alle mutate esigenze produttive e del relativo adeguamento necessario per la qualificazione e la riqualificazione del lavoratore in relazione ai fabbisogni individuati.

FNC è gestito da Anpal, Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro, che valuta la conformità delle istanze presentate e ne determina il contributo erogabile. L’inps, su richiesta dell’Anpal, erogherà il contributo per le ore dedicate, mediante un meccanismo di anticipo e saldo il 70% del totale all’inizio e il 30% alla fine della formazione,

Il tetto massimo delle ore dedicate al training è fissato a 250, per dipendente.

Perché la formazione professionale è importante?

Generalmente parlando di training e formazione professionale si crede che siano attività dedicate ai soli soggetti che stanno entrando nel mondo del lavoro, ipotizzando che dal punto di vista dei lavoratori già in essere sia solo una perdita di tempo. In realtà, la costante formazione e il continuo aggiornamento delle proprie competenze, risulta essere una skill molto importante in un mondo in continua evoluzione, sia per i lavoratori in essere che per i nuovi soggetti.

Risulta necessaria la seguente distinzione:

  •  Istruzione Professionale: intesa come la formazione a livello scolastico avviata in vista di un inserimento nel mondo del lavoro diretto in uno specifico settore; è rivolta a giovani in età prelavorativa,
  •  Formazione professionale primordiale: intesa come il primo approccio di un soggetto al mondo del lavoro; è rivolta a giovani in età lavorativa che hanno già concluso gli studi,
  •  Formazione professionale continua: intesa come l’aggiornamento continuo delle competenze professionali; è rivolta a soggetti in età lavorativa, sia occupati che in cerca di occupazione,

I vantaggi sono molteplici, partendo dai benefici del singolo soggetto, passando all’arricchimento della competitività aziendale e arrivando al miglioramento della società nel suo complesso, sia dal punto di vista economico che da quello sociale.

La formazione professionale del lavoratore si traduce da una parte in maggiori opportunità a livello occupazionale e dall’altra in maggiori guadagni, sia in termini di retribuzione che di carriera professionale. Questi benefici si trasferiscono anche sul piano personale motivazionale, in un miglior livello di soddisfazione di vita.

L’azienda, come per il lavoratore, con la formazione può ottenere grandi benefici, si pensi alla maggiore produttività aziendale con conseguente aumento del reddito, legata alle competenze superiori delle proprie risorse aziendali. Dal punto di vista sociale, invece, consente all’azienda di includere nel nucleo aziendale anche gruppi sociali svantaggiati, in modo da adottare una maggiore coesione sociale.

Come ultimo beneficiario troviamo la società nel suo complesso. Dal punto di vista economico il maggior reddito conseguito porta ad un miglioramento del mercato del lavoro e delle condizioni in esso vigenti. Questo genera in automatico un progresso del contesto sociale, infatti, il beneficio economico si traduce in un miglioramento delle condizioni dei lavoratori, sia in termini di soddisfazione personale e di carriera professionale che in termini di salute, che a livello di società si traducono in minori costi sociali in termini di prestazioni mediche. Inoltre, migliori condizioni vigenti sul mercato del lavoro portano ad un minor tasso di criminalità.

La formazione professionale risulta davvero importante, tale per cui alcuni ordini professionali (per esempio quello degli architetti, degli avvocati, dei medici…) prevedono la formazione continua per i proprio iscritti. Per le categorie non comprese, la formazione professionale è garantita dalle regioni (art. 117 della Costituzione).

Sei un'impresa a maggioranza femminile? Scopri le agevolazioni per imprenditoria femminile

 

Autore:
Erika | Back Office

 


Scroll