Skip to main content

FONDO PATRIMONIO PMI - INVITALIA

Entità Contributo prestito obbligazionario
Tipo di Agevolazione
Contributo automatico
Dimensione Impresa
Media Impresa
Micro Impresa
Piccola Impresa

FONDO PATRIMONIO PMI - INVITALIA - Credit Team Brescia Bergamo Milano

OBIETTIVI DEL FONDO PATRIMONIO PMI

Il Fondo Patrimonio PMI, strumento promosso da Invitalia, è volto a sostenere e a rilanciare il sistema economico e produttivo italiano, attraverso la sottoscrizione di obbligazioni o titoli di debito di nuova emissione. L’intervento è destinato alle aziende che hanno subito dei cali di fatturato a causa della crisi legata all’emergenza sanitaria.

CHI SONO I DESTINATARI DEL FONDO PATRIMONIO PMI?

Il Fondo Patrimonio PMI è rivolto a tutte le società di capitali, anche costituite in forma di gruppo, purché aventi sede legale in Italia e non operanti nel settore bancario, finanziario o assicurativo, che:

  •  abbiano un valore dei ricavi conseguiti nel 2019 compreso tra i 10 e i 50 milioni di euro;
  •  abbiano non più di 250 dipendenti;
  •  abbiano subito, a causa della pandemia da Covid-19, un calo dei ricavi pari ad almeno il 33%, calcolato sul bimestre marzo-aprile 2020 rispetto allo stesso bimestre del 2019;
  •  abbiano deliberato ed eseguito, successivamente al 19 maggio 2020 ed entro il 31 dicembre 2020 un aumento di capitale sociale a pagamento, in una misura di almeno 250.000€.

Nel caso di società facenti parte di un gruppo, le indicazioni relative ai ricavi ed al numero dei dipendenti fanno riferimento ai dati a livello consolidato.

QUALE DOCUMENTAZIONE È RICHIESTA DAL FONDO PATRIMONIO PMI?

La Società Emittente è tenuta a fornire ad Invitalia la seguente documentazione, ai fini della verifica della completezza e della regolarità della medesima:

  •  modulo di domanda firmato digitalmente;
  •  delibera di assemblea di straordinaria sei soci o del CdA ed eventuale documentazione contabile; dell’avvenuta sottoscrizione dell’aumento di capitale;
  •  delibera di emissione degli Strumenti Finanziari;
  •  autocertificazione relativa al possesso dei requisiti, normativa antimafia e antiriciclaggio, assenza di clausole ostative e di procedure concorsuali liquidatorie, conformità dei documenti;
  •  bilancio del 2019 approvato o progetto di bilancio certificato da un soggetto abilitato.

In caso di comunicazione di esito positivo da parte di Invitalia, entro 10 giorni dalla ricezione della stessa, la Società Emittente dovrà fornire ulteriori documentazioni: la dichiarazione attestante l’integrale versamento del capitale sociale, il regolamento del prestito e l’accordo di sottoscrizione del medesimo. In seguito, Invitalia procede alla sottoscrizione degli Strumenti Finanziari e al versamento del relativo prezzo.

QUALI SONO LE CARATTERISTICHE DEL PRESTITO?

Il FONDO PATRIMONIO PMI consiste in un prestito obbligazionario, avente la durata di sei anni, con le seguenti caratteristiche:

  •  il rimborso del capitale è bullet a scadenza;
  •  gli interessi sono corrisposti annualmente ad un tasso di interesse agevolato nominale pari all’1.75% per il primo anno, al 2% per il secondo e terzo anno, al 2.50% per i restanti tre anni.

Il valore nominale minimo di ogni titolo deve essere pari almeno a 10.000€ e i titoli non sono frazionabili.

L’ammontare massimo dei titoli sottoscritti ed emessi è pari al minimo valore tra:

  •  il triplo dell’ammontare dell’aumento di capitale eseguito;
  •  il 12,5% dei ricavi conseguiti nel 2019.

Nel caso in cui la Società abbia ottenuto ulteriori aiuti rispetto a quelli concessi sul Fondo Patrimonio PMI, la somma degli importi garantiti, dei prestiti agevolati e dell’ammontare degli strumenti finanziari sottoscritti non deve eccedere il maggior valore tra:

  •  il 25% dei ricavi conseguiti nel 2019;
  •  il doppio dei costi del personale sostenuti nel 2019;
  •  il fabbisogno di liquidità per i 18 mesi successivi alla concessione dell’aiuto.

Nel caso in cui più società appartenenti ad un medesimo gruppo presentino domanda di accesso al Fondo, nel determinare l’aiuto si tiene conto dell’ammontare degli aiuti già concessi ad altre società del gruppo.

Alla Società è concessa una riduzione del valore del rimborso degli Strumenti Finanziari del 5% nel caso di:

  •  mantenimento della base occupazionale esistente al 31 dicembre 2019 negli stabilimenti localizzati in Italia, fino all’integrale rimborso del finanziamento;
  •  investimenti per la tutela ambientale o in tecnologie abilitanti dell’industria 4.0, per almeno il 30% dell’ammontare degli Strumenti Finanziari sottoscritti, effettuati entro la data di rimborso.

QUALI SONO GLI OBBLIGHI PER LA SOCIETÀ?

La Società Emittente, fino all’integrale rimborso degli Strumenti emessi, è tenuta a:

  •  non distribuire riserve, acquistare azioni proprie o rimborsare i finanziamenti dei soci;
  •  non deliberare riduzioni di capitale, con l’eccezione di quelle obbligatorie per legge;
  •  non dar luogo ad operazioni straordinarie;

Il finanziamento può essere destinato al mantenimento del livello occupazionale, alla gestione del capitale circolante, ad investimenti in stabilimenti produttivi o attività imprenditoriali localizzate in Italia.

La Società deve fornire trimestralmente un Rendiconto a Invitalia che, inoltre, può procedere all’effettuazione di controlli ed ispezioni, anche campionari, sui soggetti beneficiari.

Gli strumenti vengono immediatamente rimborsati nel caso in cui:

  •  la società sia assoggettata a fallimento o altre procedure concorsuali;
  •  siano state rilasciate informazioni mendaci;
  •  vi sia un cambio di controllo societario;
  •  la società non consenta i controlli a Invitalia o non adempia agli impegni assunti;
  •  sia intervenuta sentenza di condanna di uno o più amministratori.

Viene estesa fino al 30 giugno 2021 la possibilità di accedere al Fondo Patrimonio PMI per le imprese che abbiano effettuato un aumento di capitale superiore ai € 250.000 dopo il 19 maggio 2020.

Contributi regionali a favore di imprese e liberi professionisti a sostegno di progetti di ricerca, sviluppo e innovazione.

Veneto: contributi per l'innovazione delle imprese

Localizzazione:   Veneto

Categoria: Innovazione e Industria 4.0

Scopri
Contributi alle PMI per la realizzazione di nuove infrastrutture per la ricarica elettrica di veicoli sul territorio lombardo.

Contributi per la realizzazione di nuove infrastrutture per la ricarica elettrica

Localizzazione:   Lombardia

Categoria: Economia Circolare

Scopri
Bando per la patrimonializzazione delle piccole medie imprese lombarde e la ripresa economica.

Patrimonializzazione Lombardia

Localizzazione:   Lombardia

Categoria: Aumento Liquidità

Scopri
BRESCIA – NUOVA OPPORTUNITA’ A SOSTEGNO DELLA SOSTENIBILITA’

BANDO SOSTENIBILITA’ (2107)

Localizzazione:   Lombardia

Categoria: Economia Circolare

Scopri

Sei interessato a questo bando?

Contattaci


Scroll