Skip to main content

Credito d’Imposta 2020: Ricerca & Sviluppo, Innovazione Tecnologica, Attività Innovative

Entità Contributo CREDITO D'IMPOSTA RICERCA & SVILUPPO 2020
Tipo di Agevolazione
Contributo automatico
Dimensione Impresa
Media Impresa
Micro Impresa
Piccola Impresa

Credito d’Imposta 2020: Ricerca & Sviluppo, Innovazione Tecnologica, Attività Innovative

La legge di Bilancio 2020 ha previsto molte novità per quanto riguarda il famosissimo Credito d’Imposta per attività di Ricerca e sviluppo.



Stai investendo in ricerca e sviluppo, transizione ecologica, innovazione tecnologica 4.0 e in altre attività innovative?


La Legge di Bilancio 2020, per tutte le imprese, che svolgono attività di ricerca e sviluppo in ambito di transizione ecologica, innovazione tecnologica ed innovazione e design, ha previsto due importanti novità:

  •  la riduzione delle percentuali di agevolazione per Ricerca e Sviluppo;
  •  l’introduzione di nuovi Crediti d’Imposta per l’innovazione tecnologica 4.0, il design e l’ideazione estetica.

Vediamo ora nel dettaglio cosa prevede la disciplina 2020 del Credito d’Imposta Ricerca e Sviluppo, Innovazione Tecnologica e altre Attività Innovative.

Andiamo a spiegare meglio in cosa consiste l’agevolazione CREDITO D'IMPOSTA RICERCA E SVILUPPO 2020.

Vuoi capire le differenze con il Credito d’Imposta Ricerca e sviluppo 2019? CLICCA QUI

La misura credito d’imposta R&S 2020 si pone come obiettivo quello di stimolare la spesa privata in Ricerca, Sviluppo e Innovazione tecnologica per sostenere la competitività delle imprese e per favorire i processi di transizione digitale anche in ambito dell’economia circolare e della sostenibilità ambientale.



Chi può beneficiare dell’agevolazione credito d’imposta ricerca e sviluppo 2020?

Potranno beneficiare del Credito d’imposta Ricerca e sviluppo tutte le imprese residenti nel territorio nazionale, indipendentemente dalla natura giuridica, dal settore economico di appartenenza, dalla dimensione, dal regime contabile e dal sistema di determinazione del reddito ai fini fiscali.



Quali sono i progetti ammissibili all’agevolazione fiscale pubblica ottenibile, credito d’imposta RICERCA E SVILUPPO 2020?

Le attività che si possono valorizzare per l’ottenimento del credito d’imposta ricerca e sviluppo 2020, sono attività di ricerca fondamentale, ricerca industriale e sviluppo sperimentale in campo scientifico e tecnologico:

  •  il credito d’imposta è riconosciuto in misura pari al 12% delle spese agevolabili nel limite massimo di 3 milioni di euro.

Attività di innovazione tecnologica finalizzate alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorati:

  •  il credito d’imposta è riconosciuto in misura pari al 6% delle spese agevolabili nel limite massimo di 1,5 milioni di euro;
  •  il credito d’imposta è riconosciuto in misura pari al 10% delle spese agevolabili nel limite massimo di 1,5 milioni di euro in caso di attività di innovazione tecnologica finalizzate al raggiungimento di un obiettivo di transizione ecologica o di innovazione digitale 4.0.

Le attività di design e ideazione estetica per la concezione e realizzazione dei nuovi prodotti e campionari nei settori tessile e della moda, calzaturiero, dell’occhialeria, orafo, del mobile, dell’arredo e della ceramica e altri, individuati con decreto ministeriale:

  •  il credito d’imposta è riconosciuto in misura pari al 6% delle spese agevolabili nel limite massimo di 1,5 milioni di euro.
AGEVOLAZIONE CREDITO D'IMPOSTA LIMITE MASSIMO DI SPESA AMMISSIBILE QUOTE ANNUALI
Credito Ricerca e Sviluppo 12% 3 milioni di euro 3
Credito innovazione tecnologica finalizzato alla realizzazione di prodotti o processi di produzione nuovi o sostanzialmente migliorativi 6% 1,5 milioni di euro -
Credito di innovazione tecnologica finalizzato a un obiettivo di transizione ecologica o di innovazione digitale 4.0 10% 1,5 milioni di euro -
Credito design e Ideazione Estetica 6% 1,5 milioni di euro -


Che spese vengono valorizzate all’interno del credito d’imposta ricerca e sviluppo 2020?

a) Le spese del personale titolare di rapporto di lavoro subordinato o di lavoro autonomo o altro rapporto diverso dal lavoro subordinato, direttamente impiegato nelle operazioni di ricerca e sviluppo svolte internamente all'impresa, nei limiti del loro effettivo impiego in tali operazioni.



Novità

Le spese di personale di età non superiore a trentacinque anni, al primo impiego, in possesso di un titolo di dottore di ricerca o iscritti a un ciclo di dottorato presso un’università italiana o estera o in possesso di una laurea magistrale in discipline di ambito tecnico o scientifico, assunti dall'impresa con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato e impiegati esclusivamente nei lavori di ricerca e sviluppo, concorrono a formare la base di calcolo del credito d'imposta per un importo pari al 150% del loro ammontare (nel caso di attività di design e ideazione estetica la laurea deve esser in design o altri titoli equiparati).



b) le quote di ammortamento, i canoni di locazione finanziaria o di locazione semplice e le altre spese relative ai beni materiali mobili e ai software utilizzati negli specifici progetti di ricerca e sviluppo anche per la realizzazione di prototipi o impianti pilota, per l'importo ordinariamente deducibile ai fini della determinazione del reddito d'impresa relativo al periodo d’imposta di utilizzo e nel limite massimo complessivo pari al 30% per cento delle spese di personale indicate alla lettera a).

c) le spese per contratti di ricerca extra muros aventi a oggetto il diretto svolgimento da parte del soggetto commissionario delle attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d'imposta. Nel caso di contratti di ricerca extra muros stipulati con università e istituti di ricerca aventi sede nel territorio dello Stato, le spese concorrono a formare la base di calcolo del credito d'imposta per un importo pari al 150 per cento del loro ammontare. Nel caso in cui i contratti siano stipulati con imprese o soggetti appartenenti al medesimo gruppo dell'impresa committente, si applicano le stesse regole applicabili nel caso di attività di ricerca e sviluppo svolte internamente all'impresa.

d) le spese per servizi di consulenza e servizi equivalenti inerenti alle attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d’imposta, nel limite massimo complessivo pari al 20% delle spese di personale ammissibili indicate alla lettera a), cioè delle spese ammissibili indicate alla lettera c).

e) le spese per materiali, forniture e altri prodotti analoghi impiegati nei progetti di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d'imposta svolti internamente dall'impresa anche per la realizzazione di prototipi o impianti pilota, nel limite massimo del 30% delle spese di personale indicate alla lettera a) o, nel caso di ricerca extra muros, del 30% dei costi dei contratti indicati alla lettera c).



Come si può fruire del Credito d’Imposta Ricerca e Sviluppo 2020?

Il credito si applica alle spese in Ricerca, Sviluppo, Innovazione e Design sostenute nel periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2019 ed è utilizzabile in compensazione in tre quote annuali di pari importo a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di maturazione.

Ai fini del riconoscimento del credito d’imposta, l’effettivo sostenimento delle spese ammissibili deve risultare da certificazione rilasciata dal soggetto incaricato della revisione legale dei conti.

Per le imprese non obbligate per legge alla revisione legale dei conti, le spese sostenute per adempiere all’obbligo di certificazione sono riconosciute in aumento del credito d’imposta per un importo non superiore a 5.000 euro.

Le imprese sono tenute a redigere e conservare una relazione tecnica che illustri le finalità, i contenuti e i risultati delle attività ammissibili svolte.

Sei interessato ad altre agevolazioni di Transizione 4.0? Leggi anche:

Credit team, società di finanza agevolata Brescia, Bergamo e Milano, può aiutarti a valorizzare i tuoi progetti innovativi

Come?

Ti metteremo subito in contatto con il reparto tecnico per capire se le attività svolte dalla tua impresa possono rientrare tra le attività del credito d’imposta R&S 2020

Richiedi la tua prefattibilità gratuita
Bando Start Up Innovative Milano

Bando Start Up Innovative Milano

Localizzazione:   Lombardia

Categoria: Start-up e Avvio d'Impresa

Scopri
Bando Fiere Lombardia

Bando Fiere Lombardia

Localizzazione:   Lombardia

Categoria: Mercati Esteri, Fiere e E-Commerce

Scopri
Bando Fiere Italia (esclusa Lombardia)

Bando Fiere Brescia

Localizzazione:   Lombardia

Categoria: Mercati Esteri, Fiere e E-Commerce

Scopri
Bando Start Up Brescia

Bando Start Up Brescia

Localizzazione:   Lombardia

Categoria: Start-up e Avvio d'Impresa

Scopri

Sei interessato a questo bando?

Contattaci


Scroll