Skip to main content
ricerca e sviluppo economia circolare - finanza agevolata Lombardia - Finanza agevolata Brescia

PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO PER L'ECONOMIA CIRCOLARE

È stato finalmente pubblicato decreto attuativo di un nuovo bando a sostegno della crescita sostenibile per i progetti di ricerca e sviluppo nell’ambito dell’ Economia Circolare.

Il nuovo bando promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico sostiene la ricerca, lo sviluppo e la sperimentazione di soluzioni innovative per l’utilizzo efficiente e sostenibile delle risorse, con lo scopo di promuovere la riconversione delle attività produttive verso un modello di economia circolare.

Questa agevolazione pubblica ottenibile cercherà di ridurre al minimo la produzione di rifiuti e l’utilizzo più duraturo possibile dei materiali.


Chi può partecipare alla richiesta di contributo per l’Economia Circolare?


Possono partecipare al bando Economia Circolare, tutte le Imprese, indipendentemente dalla dimensione e dalle attività industriali svolte, ovvero, agroindustriali, artigiane, di servizi all’industria e centri di ricerca, che presentano progetti singolarmente o in forma congiunta.



Cosa finanzia il bando Economia Circolare?


Il bando Economia Circolare sostiene attività di ricerca industriale e sviluppo sperimentale finalizzate alla realizzazione di nuovi prodotti, processi o servizi o al notevole miglioramento di prodotti, processi o servizi esistenti.


I progetti di Economia Circolari, ammissibili, devono essere finalizzati alla riconversione produttiva delle attività economiche.


Queste sono le principali aree di intervento:

  • innovazioni di prodotto e di processo in tema di utilizzo efficiente delle risorse e di trattamento e trasformazione dei rifiuti;
  • progettazione e sperimentazione prototipale di modelli tecnologici integrati finalizzati al rafforzamento dei percorsi di simbiosi industriale;
  • sistemi, strumenti e metodologie per lo sviluppo delle tecnologie per la fornitura, l'uso razionale e la sanificazione dell'acqua;
  • strumenti tecnologici innovativi in grado di aumentare il tempo di vita dei prodotti e di efficientare il ciclo produttivo;
  • sperimentazione di nuovi modelli di packaging intelligente (smart packaging) che prevedano anche l'utilizzo di materiali recuperati;
  • sistemi di selezione del materiale multileggero, al fine di aumentare le quote di recupero e di riciclo di materiali piccoli e leggeri.



Sono ammissibili progetti con elevato contenuto di innovazione tecnologica e sostenibilità.


I progetti ammissibili inoltre devono:

  • essere realizzati nell'ambito di una o più unità locali ubicate nel territorio nazionale;
  • prevedere spese e costi ammissibili non inferiori a euro 500 mila e non superiori a euro 2 milioni;
  • avere una durata non inferiore a 12 mesi e non superiore a 36 mesi.



In cosa consiste il contributo dell’Economia Circolare?


Per le imprese, finanziamenti agevolati del FRI, per il 50% delle spese e dei costi ammissibili di progetto.

Contributi alla spesa, in misura delle seguenti percentuali delle spese e dei costi ammissibili di progetto:

  • 20% per le micro e piccole imprese, e per gli organismi di ricerca;
  • 15% per le medie imprese;
  • 10% per le grandi imprese.

Le agevolazioni nella forma del finanziamento agevolato e del contributo alla spesa sono concedibili alle imprese unicamente in concorso tra loro, seguendo i vincoli di destinazione territoriale previsti per i contributi.



Dal 5 novembre 2020 sarà possibile presentare la domanda, anche in forma congiunta.



Vuoi saperne di più?

Vuoi ricevere maggiori informazioni?

Siamo a tua completa disposizione

Contattaci subito
Scroll