Skip to main content

DECRETO LIQUIDITÀ: TUTTE LE NOVITÀ DI APRILE 2020 A SOSTEGNO DELLE AZIENDE ITALIANE

Francesca | Team Leader Area Sviluppo

 April 07, 2020

decreto liquidità - credit team - liquidità aziendale - novità aprile 2020
decreto liquidità - credit team - liquidità aziendale - novità aprile 2020

Lunedì sera in diretta nazionale il Governo Conte ha annunciato le misure di Marzo del Decreto cura Italia, già soprannominato da molti DECRETO LIQUIDITÀ.




LIQUIDITÀ AZIENDALE

Obiettivo numero uno di questo Decreto è quello di dare liquidità alle imprese, molte delle quali sono in difficoltà a causa di questo stop prolungato, attraverso l’introduzione della modalità semplificata per la richiesta di prestiti.

Sono stati messi a disposizione 400 miliardi, che saranno così destinati:

  • 200 miliardi per il mercato interno
  • 200 miliardi per potenziamento dell’export

    • Le imprese potranno usufruire di questi fondi garantiti dallo Stato tramite prestiti ed in molti casi la garanzia sarà al 100%.


      La modalità di erogazione dei prestiti è la seguente:

      • garanzia al 100% per i prestiti fino a 25 mila euro, senza alcuna valutazione del merito di credito;
      • garanzia al 100% per i prestiti fino a 800 mila euro, con la valutazione del merito di credito;
      • garanzia al 90% per i prestiti fino a 5 milioni di euro, potendo arrivare al 100% con la controgaranzia dei Confidi e con una valutazione che tiene conto solo della situazione pre-crisi Covid-19”




      RINVIO DELLE TASSE

      Un’altra misura straordinaria del Decreto è il rinvio di scadenze, finalizzato a lasciare risorse nelle casse delle imprese. Scadenza che per ora è prevista al 31 maggio.


      E’ stato ampliato il raggio delle aziende che ne potranno usufruire, non solo le filiere più colpite ma anche a chi abbia registrato perdite consistenti del fatturato, insieme alla creazione di un fondo per i futuri ristori.Si sta ipotizzando anche di abbassare gli acconti delle tasse di giugno-luglio, lasciando ad esempio ai Comuni la possibilità di decidere se rinviare l'Imu-Tasi-Tari - vista la riduzione di tutte le restrizioni di contenimento causate dal corona virus.


      I versamenti prorogati al 30 giugno sono i seguenti:

      • versamenti IVA;
      • ritenute alla fonte;
      • contributi.


      Quali sono i soggetti che potranno usufruire di questa nuova proroga?

      Le aziende soggette ad un calo di fatturato di almeno il 33% per ricavi/compensi sotto i 50 milioni o di almeno il 50% sopra tale soglia.

      Potranno usufruire di questa misura anche gli esercenti attività d’impresa, arte o professione che hanno iniziato ad operare dal 1° aprile 2019.

      Le imprese delle 5 province più colpite (Bergamo, Brescia, Cremona, Lodi, Piacenza) potranno usufruire di questa sospensione IVA a prescindere dalla soglia di fatturato dei 50 milioni, se avranno subìto una riduzione del fatturato di almeno il 33%.

      Si potrà decidere se dilazionare il pagamento in 5 rate oppure in un’unica soluzione.




      GOLDEN POWER

      Un piccolo accenno anche a GOLDEN POWER misura straordinaria in difesa delle imprese italiane che a fronte dei cali dei titoli borsistici, rischiano di essere acquistate sotto costo dalle imprese estere. È prevista l'estensione del golden power, che ad oggi già esiste per i settori della difesa, telecomunicazioni, energia, per i settori alimentari, della sanità, banche e assicurazioni.


      Il governo potrebbe utilizzarlo anche per tutelare le imprese medio-piccole proteggendo le società anche in ambito europeo.




      Vuoi conoscere le altre misure del DECRETO CURA ITALIA?

      CLICCA QUI

       

      Autore:
      Francesca | Team Leader Area Sviluppo

       


Scroll